Home ›› News

BimarCosì le banche tengono su i mutui

Libero

10.02.2009

 

L' euribor a tre mesi, il principale parametro di riferimento per il tasso dei mutui ipotecari, è stato fissato a 1,989%, sotto la soglia bce (2%), questa settimana. tuttavia il costo del danaro, ai minimi da cinque anni a questa parte, genera ancora pochi benefici per chi ha contratto un prestito per l'acquisto della casa. così, a scorrere le offerte commerciali più aggiornate, si scopre che nei contratti di mutui a tasso fisso vengono proposti e applicati interessi che spesso superano il 6%, mentre quelli a tasso variabile viaggiano sopra la soglia del 4% fissata dal governo. due le leve che gli istituti bancari sfruttano per evitare di abbassare le commissioni sui finanziamenti: gli spread, vale a dire il differenziale tra tasso interbancario e interesse finale chiesto ai correntisti, e misure specifiche - i cosiddetti depositi over night - tese a tenere su gli scambi tra gli stessi intermediari finanziari. in questa situazione a pagare sono i risparmiatori.